CASTEL

Restauro della quattrocentesca casaforte chiamata “Castel”



  • Prima dell'intervento

  • Dopo l'intervento

DA UN ARTICOLO DI STAMPA...

«Il recupero della quattrocentesca casaforte chiamato “Castel” è stato complesso perché gli edifici di antica origine trasformati continuamente nel tempo per adattarsi alle mutate esigenze degli occupanti, pongono domande e dubbi ai progettisti: quali superfici salvare, quali spazi mantenere o riadattare per soddisfare le attuali richieste, quali serramenti, quali scale...

Il principio che ci ha sempre sostenuto nelle scelte è stato quello di basare la progettazione in modo responsabile su un accurato lavoro di ricerca; ricerca storica ma anche ricerca sul campo: stratigrafie, indagini archeologiche, datazione dei legni, studio delle caratteristiche delle malte degli intonaci, datazione dei serramenti e mille altre cose che ci hanno permesso di avvicinarci all’edificio con grande rispetto, anche nei riguardi dei suoi particolari minori o apparentemente insignificanti.

l restauro della copertura, dei pavimenti e dei soffitti, ad esempio, è stata una sfida appassionante, data la difficoltà delle operazioni da eseguire su legname che ormai ha superato i cinquecento anni, ma l’emozione di averlo ancora nel sito, con le sue belle venature e gli incastri che hanno già sfidato la storia, è impagabile per un direttore dei lavori!

Anche gli intonaci ci hanno riservato grandi soddisfazioni: il ritrovamento di affreschi a carattere religioso, dimenticati da tempo sotto strati di tinteggiature, il recupero di superfici non decorate, ma semplicemente intonacate con malte antiche, ci hanno permesso di studiare materiali e tecniche della grande tradizione italiana nel campo delle finiture a calce. Il cantiere si è dimostrato difficile anche per la sua posizione, incastonato tra altre abitazioni e attività varie, compresa una stalla, situazione logistica che ci ha obbligati a tanti accorgimenti, mediazioni e discussioni con il vicinato per l’inevitabile disturbo che possono arrecare i lavori..

Il restauro è giunto alla sua conclusione secondo quanto ci eravamo prefissi di ottenere, e come capita ogni volta che si termina un lavoro così impegnativo da tenere svegli la notte...ne sentiamo già la mancanza.

Gabriele Grosso e Silvia Stroppa, Progetto e Direzione Lavori